Garmin Forerunner 910XT TEST rewiev

Garmin Forerunner 910XT TEST rewiev

Garmin Forerunner 910XT  Firmware 3.00 ultimo disponibile alla data 13/11/13

 

 

 

 

Il Forerunner 910XT è ora il modello di punta della Garmin nella categoria multisport, unifica in un solo device tre sport; running, bicicletta e nuoto.

— MANUALE — Forerunner 910XT

Garmin Forerunner 910XT bundle

bundle garmin 910XT senza fascia cardio

Il Forerunner 910XT dispone di molti accessori oltre quelli compresi in confezione, compatibili con tecnologia ANT+™,tra cui sensore di velocitàcadenza, footpad, fascia cardio e il sensore di potenza Vector.

Chi conosce gli altri forerunner, 205, 305 e 310XT  non avrà sicuramente difficoltà a muoversi nei menu e sotto menù del 910XT.
Sebbene è molto simile al 310XT il 910XT è stato migliorato nella parte inerente il nuoto, di seguito spiegherò sia le funzioni che le differenze  tra i due. Un altra miglioria abbastanza evidente è la forma, sicuramente migliorata l’indossabilità ed i materiali e l’altimetro barometrico.

1.1 Materiali e forma

Mettendolo a confronto con altri device anche di altre marche si pone tra i più piccoli e meno ingombranti.

L’indossabilità è perfetta ed anche dopo 10 ore di utilizzo sempre al polso non crea nessun disturbo; sicuramente nel nuoto si sente un po’ ma se si vuole essere liberi al massimo bisogna cambiare device ed andare su un modelle esclusivo per il nuoto.

Garmin Forerunner 910XT peso
I materiali con cui è costruito, scocca posteriore in alluminio, scocca anteriore in plastica e cinturino in gomma,sono robusti e duraturi, sembrerebbe che il brutto vizio del 203,305 e 310XT (i tasti in gomma si consumavano e si deterioravano, soprattutto nel 205 e 305) sia stato risolto costruendo i tasti laterali in plastica diversamente dagli altri modelli che erano in gomma.Come il 310XT anche quest’ ultimo ha toni di avviso e vibrazione, quest’ultima un pò più potente di quella del 310XT.
Garmin Forerunner 910XT Retro
Ragazzi ieri mega volo in MTB, prognosi FRATTURA CLAVICOLA, quando ho visto il Forerunner 910XT sul manubrio tutto sporco di terra e sassi, ho pensato al peggio.
Ma niente ragazzi, fortunatamente avevo la Pellicole protettive sulla schermo quindi niente graffi, la scocca era solo piena di terra.
 
GRANDE 910XT

2.1 FIX satelliti e GPS

Il FIX satellitare non è proprio velocissimo, ho comparato il Forerunner 910XT con altri orologi GPS come il 310XT, il suunto Ambit 2s, il Foreruner 305 e con un paio di EDGE (500 e 800), è stato battuto da tutti, soprattutto nel riaggancio satellitare dopo un riavvio ravvicinato.

Altri GPS se vengono spenti e riavviati (sia dopo pochi secondi che dopo qualche ora) la velocità di aggancio satelliti è velocissimo, invece il Garmin forerunner 910XT ogni volta ci mette lo stesso tempo, come se non memorizzasse i vecchi fix.

 

3.1 Funzione CARDIO-FREQUENZIMETRO

Come dicevo prima il forerunner 910XT è compatibile con i sensori ANT+, Oggi la Garmin propone 2 tipologie di fasce cardio:
Rewiev fasce cardio —–LINK—–
Come molti cardio-frequenzimetri visualizza la frequenza cardiaca in battiti al minuto, la frequenza media, la massima, tutti suddivisi se si vuole per lap.
Una nuova funzione introdotta in questo device è il dato T.E. (Training Effect).

 

Il campo TE può essere impostato anche come “campi dati” nelle 4 pagine impostabili.
Riporto la parte inerente al T.E. che si trova nel manuale:
Training Effect misura l’impatto di un’attività sulla forma aerobica.
Training Effect raccoglie dati durante l’attività. Quando questa procede correttamente, il valore di Training Effect aumenta, indicando in che modo l’attività ha migliorato la propria forma fisica. Il valore di Training Effect è basato sulle informazioni del profilo utente, la frequenza cardiaca, la durata e l’intensità dell’attività.È importante tenere presente che i numeri relativi a Training Effect (1.0–5.0) possono sembrare eccessivi durante le prime corse. Occorre effettuare diverse attività prima che il dispositivo rilevi le attività fitness aerobiche.La tecnologia Training Effect è fornita e supportata da Firstbeat Technologies Ltd. Per ulteriori informazioni, visitare il sito Web www.firstbeattechnologies.com.Training effect
Descrizione
1.0–1.9Consente il recupero (attività brevi). Migliora la resistenza per le attività di lunga durata (oltre 40 minuti).2.0–2.9Mantiene l’attività fitness aerobica.3.0–3.9Migliora le capacità aerobiche se ripetuta come parte di un programma di allenamento settimanale.4.0–4.9Migliora considerevolmente l’attività fitness aerobica se ripetuto 1–2 volte a settimana con tempi di recupero adeguati.
5.0Causa un sovraccarico temporaneo con miglioramento elevato. Allenarsiin base a questo valore con estrema attenzione. Richiede giorni di recupero aggiuntivi.

Come il 310XT anche il 910XT dopo 2 minuti comunica all’utente la frequenza di recupero, cioè finito l’allenamento una volta premuto il tasto “Stop” se non si esegue un reset “tasto sinistro” dell’attività il 910XT dopo 2 minuti vi dirà la frequenza di recupero.

Frequenza al premere dello “stop” 176bmp, FC dopo 2 min. 123bmpFCrecupero= 53  (176-123)

Il 910xt usa l’algoritmo Firstbeat di seconda generazione per il calcolo delle calorie, solo che questo algoritmo si basa sulla frequenza cardiaca.

Se non la rileva,  per il calcolo delle calorie si basa solo sui parametri dell’atleta (peso, genere, altezza, classe di allenamento), ma è molto più approssimato.

4.1 ALTIMETRIA

Un’altra nuova funzione presente è l’altimetro barometrico, funzione a parer mio indispensabile per un uso trail-running e MTB, essendo discipline in cui l’utente utilizza l’apparecchio dove la ricezione GPS non può essere ritenuta veritiera in modo assoluto.
Immaginate un sentiero pianeggiante sotto una fitta pineta, sicuramente i dati che ne verranno fuori (con device che utilizzano esclusivamente il GPS) sarebbero sicuramente poco veritieri.
Ora vediamo come funziona l’altimetro barometrico.
Come scritto nel manuale:       (pag. 6 rev. novembre 2011)

“”Il Forerunner calcola la quota attraverso l’altimetro barometrico. L’altimetro barometrico è sensibile agli eventi meteorologici e alle aree pressurizzate, ad esempio le cabine passeggeri di un aereo

e le automobili. Se, a causa delle condizioni ambientali, l’altimetro barometrico inizia a segnalare letture errate, il Forerunner utilizzerà i dati di quota GPS.””

“”Calibrazione dell’altimetro barometrico

È possibile calibrare manualmente l’altimetro barometrico utilizzando una posizione salvata.

  1. Raggiungere una posizione in cui la quota sia nota.
  2. Selezionare MoDe>GPS>Salva posizione.
  3. Immettere la quota nel campo Quota.
  4. Selezionare oK.

Se l’utente si trova entro 50 metri da una posizione salvata con dati di quota, il Forerunner calibra automaticamente l’altimetro barometrico. Altrimenti, l’altimetro barometrico viene calibrato mediante dati di quota GPS.””

Ho verificato di persona il funzionamento di quest’ultimo, solo che ho riscontrato delle piccole anomalie, per me trascurabili ma forse per altri non tanto, comunque sembra che tutto funzioni abbastanza bene.
Iniziamo con il cercare di individuare la quota del punto di partenza delle nostre attività, badate bene il luogo di partenza. (poi vi spieghero il perchè)
Io per fare ciò utilizzo Google earth, programma free scaricabile dal seguente link.  http://www.google.it/intl/it/earth/
La freccia rossa indica la zona dove ho posizionato il cursore.
Freccia gialla: informazioni inerenti al punto indicato con la freccia rossa.
In quest’immagine potete notare invece che spostando il cursore in un’altra zona anche le informazioni cambiano.
Tempo fa feci un rilievo utilizzando un rilevatore GPS professionale, un Hiper PRO della TOPCON, con correzione digitale, si collega ad un server tramite internet e corregge i dati, e mi dava una quota di 82 metri. Quindi penso che se non si vuole una precisione assoluta il mio metodo può essere ritenuto attendibile.
Una volta trovata la quota si crea come spiegato nel manuale un waypoint e si corregge il campo quote con la vera quota.
A questo punto avete un waypoint indicante lat/long e quota, niente di più semplice, ogni volta che accendete il forerunner, e dico accendete, in prossimità di quella zona dopo aver atteso la connessione hai satelliti in 910XT l’altimetro barometrico si calibrerà automaticamente.
Peccato che i Way-point nel 910XT e nel 310XT non possono essere sincronizzati con il computer, testato BaseCamp, EasyGPS, CompeGPS e google earth, per poi aver conferma direttamente dalla Garmin.
Quindi quando resetterete il 910XT dovrete reinserire tutto manualmente.

4.2 TEST

Test eseguiti nella giornata di oggi, tempo nuvoloso e temp. esterna 12 gradi, vento assente in tutte le situazioni di test.
Quota impostata nel waypoint 82m.
1° test questa mattina ad inizio giro calibrazione automatica.
2° test on-the road
3° test metà pomeriggio (proprio 5 minuti fa) calibrazione automatica.

TEST numero 1

Foto scattata dopo circa 5/6 min.  il FIX. dei satelliti.

TEST numero 2

Ho raggiunto dopo la calibrazione eseguita la mattina (TEST numero 1) un luogo con quota conosciuta.
Quota rilevata sotto il cartello 155.
Quota rilevata nel centro del borgo (punto più alto) 160.

TEST numero 3

Dalle fotografie si deduce che passati 6 min. dopo il fix con i satelliti siamo ben lontani dalla quota che ho impostato nel waypoint. (82 m)
Se notate nella foto n° 5 (tempo 03:33,66) la distanza dal waypoin è di pochi metri.
Come ultima annotazione, i due test sono stati eseguiti nel medesimo punto.
Conclusione: Ho appena mandato una mail al suppoto Garmin, allegando foto e descrizione, vediamo che mi dicono.
 
Il supporto Garmin risponde dicendo che si deve rimanere a una distanza di 15m, non 50 come specificato sul manuale, e di premere “Start” per avviare la calibrazione.
Ho chiesto anche se la notizia di ricevitori barometrici rotti dovuti all’acqua fosse vera, il tecnico mi ha risposto che sono semplicemente delle “dicerie da forum”, testuali parole.

RIPETIZIONE TEST DOPO E-MAIL RICEVUTA DALLA GARMIN.

Dopo aver ricevuto l’e-mail dal supporto Garmin ho rifatto i test nella stessa posizione dei test sopracitati. Riepilogando: distanza dal way-point minore di 15m (come comunicato dal supporto Garmin), quota del way-point impostata manualmente a 82m.Ho avviato il Garmin ed appena si è eseguito il FIX con i satelliti ho avviato il cronometro, come negli altri test dopo più di 2 minuti ancora non avevo raggiunto la giusta quota, ma appena ho avviato premendo “start” la calibrazione è stata immediata.
Inserisco anche un video per far capire meglio cosa intendo.
In conclusione diversamente a come specificato nel manuale bisogna essere posizionati a massimo 15m dal way-point di riferimento e dopo il FIX avviare con “start” ed il gioco è fatto.

Oggi, nell’eseguire la calibrazione come descritto dal supporto Garmin ho riscontrato un bel problemone.

 

Quota effettiva 82m, waypoint impostato distante meno di 15m.

Cercherò di spiegarvelo.

Riporto qui a fianco il grafico dell’altimetria creato in garmin Connect, con la funzione correzione quota disattivato (il 910XT essendo barometrico di default è disattivato). 

 

 

Quando ho acceso il 910XT la quota che rilevava era 74m, poi quando ho avviato premendo start il 910XT si è calibrato rilevando la quota corretta di 82m.
Il problema è che questa calibrazione viene registrata e viene tenuto conto il salto di dislivello nei calcoli dei totali.
Per spiegare meglio la cosa vi posto anche il video che ho fatto proprio stamattina.
Rimando una segnalazione a Garmin, per ore l’unica soluzione è:
  • avviare una run e far si che il barometrico si calibri
  • Stoppare
  • Premere reset per resettare i campi e i dati registrati
  • riiniziare una nuova run
Queso porterà ad avere sempre in doppio delle attività (una praticamente vuota ed una giusta), ma penso che sia l’unico modo per raggirare il problema.
Cercando su internet mi sono imbattuto in questo forum: https://forums.garmin.com/showthread.php?25110-Barometer-Altitude-issues/page18 dove un’utente scrive:
Tradotto:
-Ci sono state molte segnalazioni di problemi di elevazione con il Garmin 910XT.
Purtroppo, il problema non può essere risolto con un aggiornamento software . È necessario inviare il vostro orologio in a Garmin per la manutenzione.
Un numero casuale di 910XT hanno barometri difettosi.
Poi spiega come verificare se il barometro funziona:
-Per determinare se il barometro è difettoso passare alla modalità di diagnostica:
1. Spegnere il 910XT
2. Premere e tener premuto il tasto ENTER , premere e tenere premuto il pulsante di accensione .
3. Continuare a tenere premuto sia il tasto ENTER e il tasto di accensione fino a quando appare la schermata di diagnostica .
4 . Rilasciare entrambi i pulsanti .
Ora che siete nella schermata di diagnostica , premere il pulsante Mode , esattamente 7 volte . Udirete un beep ogni volta che si preme il tasto Mode.
Arrivati alla seguente schermata:
Se la terza linea chiamata “Baro Alt” mostra 65.000 ft o 20,00 m e la quarta riga sotto “Pressione Baro” indica 0, allora l’unità è difettosa .
Spegnere il 910XT per uscire dalla modalità diagnostica.

5.1 REPARTO BICI:

Come potete notare il mio utilizzo principale e la MTB.
Esistono diversi accessori per agganciare il Forerunner alla bicicletta, io utilizzo l’attacco per il manubrio della polar. Lo utilizzavo con un Polar CS300 e non l’ho mai sostituito.
Per chi fa triathlon ci sono agganci rapidi ed accessori appositi per un trasferimento super rapido tra polso, bici, polso.
Le funzioni inerenti la bici sono le stesse che troviamo sia sul 205/305 e 310XT cioè velocità istantanea, media, media ultimo lap, media lap corrente poi cadenza, distanza, potenza e tempo con le stesse tipologie della velocità.
L’ accessorio principale è il rilevatore di cadenza/velocità che unito al GPS completa al 100% le misurazioni effettuabili con questo device.
 
Un accessorio che lo distingue dal 310XT sono i pedali Vector (link: https://buy.garmin.com/it-IT/IT/sport-fitness/cycling-mtb/vector-/prod93569_010-00994-00.html), i suddetti pedali sono compatibili anche con il 310XT ma il 910XT ha numerosi campi dati visualizzabili in diretta sul device che nel 310XT non ci sono.
Ecco le differenze essenziali:
– Edge 705 / Forerunner 310XT: solo dati di potenza, no bilanciamento dx/sx
– Edge 500 / Forerunner 910XT: oltre dato di potenza anche bilanciamento dx/sx, con dato percentuale
(Bil. istantaneo, Bil. medio su totale o ultimi 3/10/30 sec. e bil. lap)
Come potete vedere dalle foto oltre hai campi dati che sono configurabili solo nelle categorie principali (corsa, bici e nuoto) possiamo configurare diversi sotto-parametri su 5 bici differenti.
Nome – Peso – KM percorsi e diametro ruota
 
presenza o meno di sensori e di che tipologia
 
Infine si posso regolare le zone di frequenza cardiaca, le zone di potenza e di cadenza, tutto ciò distintamente per ogni bici.

6.1 REPARTO CORSA:

L’accessorio principale per la corsa è il Foot Pod, all’interno del menu impostazioni si può decidere in quale modo il Forerunner riceve i dati della velocità. Foot Pod oppure GPS.

Per calibrare il foot pod si posso usare 2 metodi, il primo tramite il GPS il secondo correndo in un tratto con distanza conosciuta, per esempio un 2×400 in una pista di atletica.
I campi dati impostabili sono gli stessi che si possono impostare nella bici, con la variante della velocità che non viene visualizzata in Km/h ma in MinxKm.

Appena tornato da una sessione di corsa prima pioggia e vento, poi quando a cominciato a grandinare sono venuto a casa, comunque vi posto una parte dell’allenamento (i 5 giri di pista che ho fatto).

La pista è 400ml ed ho utilizzato la funzione Auto LAP per posizione, impostando il primo lap quando son passato sotto lo “start”, potete notare che al di fuori il 2 giro che segna 410 ml tutti gli altri sono conformi ai 400m.

Mentre eseguivo il test indossavo anche il 310XT ed il 305, la comparativa potete trovarla qui.

comunque vi do un assaggio.

Praticamente che dire sono identici, anche se a sensazione il 310XT ha lavorato un pò meglio, era il primo che rilevava il LAP trascorso segnalandolo sul display.

7.1 VIRTUAL PARTNER:

Il VP si può attivare o no dal menu impostazioni di CORSA, BICI e ALTRO, non è attivabile nell’attività nuoto.

Prendiamo esempio la corsa, impostando un passo con il quale si vuole correre una run, il forerunner eseguirà la corsa con voi mantenendo la velocità/passo da voi impostata.

Sia nel 310XT che nel 910XT (nel 305 non è possibile) se avete impostato una velocità/passo sbagliata potete correggerla, utilizzando i tasti su/giù (premeteli a lungo).

Dal momento della correzione del passo il vantaggio o lo svantaggio accumulato si azzerano.

8.1 VIRTUAL RACER:

Come potete vedere dalla foto il 910XT dispone della funzione Virtual Racer, questa funzione assomiglia molto a “segui percorso” ma con piccole varianti.

Una variante che si nota subito è che a differenza di “segui percorso” non si è obbligati a seguire letteralmente un percorso dovendo correre sullo stesso tracciato, quindi non si è obbligati neanche di raggiungere il punto di start per far iniziare la run.

Se si vuole eseguire un riscaldamento non premere “start” perchè la corsa contro il V.R. partirà subito alla pressione del tasto di avvio “Start”.

   

9.1 SEGUI PERCORSO:

A differenza del V.R. la funzione “segui percorso” è presente sia nel 310XT che nel 305.
Utilizzando la stessa traccia importata dal Garmin connect vediamo subito che ci sono delle differenza nella foto n.3 dove compaiono la voce “mappa” e “profilo”.
Questo perchè si è obbligati durante l’allenamento che si eseguirà, (l’allenamento verra registrato) di seguire il percorso precaricato (se ne possono caricare diversi o trasformare direttamente una traccia dalla cronologia).
Con “segui percorso”, una volta premuto “start” possiamo anche eseguire un riscaldamento l’importante è non raggiungere il punto di inizio del percorso o un qualsiasi punto della traccia.
 

 

Una volta avviato il timer premendo “start” vi comparirà, oltre alle normali 4 pagine con i campi dati, la pagina con in V.P. e la mappa con la traccia disegnata (sempre se l’avete attivata da impostazioni), altre 2 pagine una con una sorta di indicatore di direzione e un grafico di elevazione dove viene segnalata la posizione del V.P. e la vostra.

 

10.1 REPARTO NUOTO:

 

Come il Forerunner 310XT anche il 910XT è impermeabile fino a 50M, solo che al disotto del pelo dell’acqua entrambi perdono il segnale GPS.

A differenza del 310XT che non ha nessuna funzione specifica per il nuoto (come spiego nel reparto nuoto del 310XT) il 910XT ha al suo interno un accelerometro, che aiuta il device a misurare velocità, distanza, cadenza ecc.

 

Il supporto Garmin dichiara:

Testuali parole: -Il fatto che l’acqua possa danneggiare il sensore è una “diceria da forum”, il 910 è un prodotto pensato per il triathlon e sarebbe impensabile che presentasse qualsiasi tipo di problema a casa dell’utilizzo in acqua-

Ci sono 2 sotto categorie all’interno dell’impostazione nuoto, nuoto in piscina e nuoto in acque libere.

Se si imposta nuoto in piscina il forerunner vi chiederà la lunghezza della piscina, 25m, 50m ecc. oppure personalizzata.

In automatico il 910xt disabiliterà il GPS, l’altimetro e il ricevitore cardio; inserendo all’interno dei campi dati diversi nuovi parametri, come efficenza e frequenza bracciate (ultima vasca, media totale, istantanea, ripetuta, ultima ripetuta), tipo di stile, indice swolf e numero vasche.

Impostando nuoto in acque libere il 910XT utilizzerà il GPS per calcolare la distanza e la velocità incrociando comunque i dati con quelli dell’accelerometro; come nel nuoto in piscina in automatico si disabiliteranno altimetro e ricevitore cardio; nelle acque libere non viene comunque rilevato lo stile, si imposta in automatico lo stile libero.

11.1 Inserimento WAYPOINT

Nel 910Xt non posso salvare i PDI tramite il computer, l’unico modo per inserire un Waypoint “da casa” è modificarne uno salvato in precedenza .

Garmin Forerunner 910XT Waypoint-1    Garmin Forerunner 910XT Waypoint-2

Garmin Forerunner 910XT Waypoint-3

Io per le cordinate uso Google Earth, qui troverò anche la quota, cosi questo waypoint potrei usarlo anche per calibrazione quota.

Salvataggio WP Garmin_1

12.1 Inserire il REPARTO ALLENAMENTO.

 

13.1 SCORCIATOIE E RESET

  • Se colpite lo schermo due volte con le dita si attiva la retroilluminazione
  • Quando si accende il 910XT e compare il simbolo della ricezione satellitare. Preme il pulsante enter e direttamente vi chiederà se volete deisabilitare il GPS
 
  • nella schermata mappa premendo tasto “Enter” si visualizzano le coordinate.
  • passare alla modalità di diagnostica:

 

        1. Spegnere il 910XT
        2. Premere e tener premuto il tasto ENTER e POWER.

3. Continuare a premere ENTER e POWER fino all’apparizione della schermata di diagnostica.

        4 . Rilasciare entrambi i pulsanti.
  • Soft reset
            1. Premere e tenere premuto Mode e lap / reset per 10 secondi
            2. Rilasciare entrambi i pulsanti
  • Hard reset

         1. Spegnere il device

2. Premere e mantenere premuto il tasto MODE e ACCENSIONE

         3. Relasciare i bottoni

         4. Comparirà il messaggio “Sicuro di cancellare tutto?”

                  5. Selezionare “SI”
  • Master reset

1. Spegnere il Forerunner

2. Tenere premuto MODE ed Enter

3. Premere e rilasciare il pulsante di alimentazione (tenendo ancora Mode e Enter)

4. Rilasciare Mode e Enter  dopo aver rilasciato il pulsante POWER

 

Il reset sul Forerunner 910XT sarà avvenuto se il dispositivo finisce di accendersi e si avvia la procedura guidata di configurazione. Riprovare la procedura se non appare la procedura guidata di configurazione.

Dopo aver eseguito la progetura guidata lasciare il dispositivo all’ esterno per un minimo di 20 minuti per acquisire i dati dei satelliti.

  • Auto Locate (reser dei dati satellitari)
             1. Assicurarsi dispositivo sia spento
             2. Premere e tenere premuto il pulsante Giù
             3. Premere e rilasciare il pulsante di alimentazione
             4. Attendere 30 secondi
             5. Rilascio il pulsante GiùDopo il AutoLocate viene eseguita sul dispositivo , attendere 15 a 20 minuti per acquisire la posizione corrente con una chiara visione del cielo . Il dispositivo di idoneità dovrebbe ora funzionare correttamente .

About Tommaso Vagnini