SilverSkin Stay Warm test e rewiev

Intimo termico “invernale”SilverSkin Stay Warm

SilverSkin stay Warm

 Ho scritto intimo termico invernale, ma non so se è la definizione giusta, io sto usando questo intimo anche in questi giorni dove le temperature oscillano tra i 10 e i 16 gradi.SilverSkin stay warm

 

In questa recensione cercherò di spiegarvi al meglio i pro e i contro di questo  intimo ideato per utenti sportivi e non.

La ditta SilverSkin Italia srl, mi ha spedito due maglie, una invernale linea “Stay Warm” ed una estiva linea “Stay Fresh”, nelle seguenti righe potrete leggere la recensione dell’intimo invernale.

La recensione dell’intimo estivo potete trovarla al seguente indirizzo.

—-recensione intimo ESTIVO—-

Una recensione generale invece la trovate al seguente link  —-Generale Silverskin—-

Silverskin composizione warm

Inizio subito nel riportarvi la composizione del filato, al tatto sembra lana, ma…

95% Dacron

3% Fibra Argento

2% Lycra

Questa composizione e la modalità della tessitura rende la maglia, comodissima, indossata sembra una seconda pelle, traspirante e termoregolatrice.

Ultima cosa, grazie al filo d’argento non fa cattivo odore.

Test:

Ho ricevuto l’intimo silverSkin Stay warm circa 2 settimane fà, in queste due settimane ho eseguito 6 allenamenti corsa, 2 allenamenti in bici da corsa, 2 uscite di escursionismo in montagna e una festa di carnevale, si avete capito bene una festa di carnevale.

Appena sono arrivate a casa ho subito indossato le magliette, e devo dire che inizialmente mi ha fatto un po strano, forse abituato ad altri intimi, come x-bionic, ed altro che comprimono in maniera anche troppo elevata.

In questa recensione l’oggetto sarà la Stay warm che vedete in foto, mi sono fatto spedire una taglia M, (di pantaloni indosso la 31 usa che corrisponde a una 42/43 Eur) ed ho preferito il collo alto.

 

SilverSkin stay warm manica

Avevo paura che la taglia non andasse bene, di solito per le giacche acquisto la 50 anche se sarebbe meglio la 48, ma ho le braccia lunghe.

invece nessun problema.

Nei test che ho eseguito ho cercato di verificare le 4 caratteristiche che rendono sulla carta l’intimo Stay warm imbattibile.

  • Comodità
  • Termoregolazione
  • Traspirabilità
  • Qualità anti-batteriche

 

Niente cuciture, totale comodità.

Dalle foto sottostanti potete vedere l’interno della maglia, la parte a contatto con la pelle, la più importante.

Bene è ora di iniziare:

Ho l’abitudine di appuntarmi ad ogni uscita le sensazioni che ho provato dopo l’uscita in bici o corsa.

Come primo test mi sono fatto una bella corsa che tra riscaldamento, corsa e defaticamento finale è durata circa 1 ora  e 30 minuti.

La temperatura ambientale era circa 8 gradi, ho indossato come intimo la Stay Warm e sopra una t-shirt Gorebike, (maglia tecnica studiata per la bike),  la SilverSkin Stay Warm all’esterno e all’interno (a contatto con la pelle) era asciutta, invece nella parte esterna dove indossavo la maglia gorebike era umida.

Alla fine dell’allenamento posso dire che la Silverskin è talmente traspirante che la maglietta esterna era bagnata, la SilveSkin Stay Warm no, e per di più non ho mai sofferto il freddo.

Il giorno successivo dovevo cartellone una gara che avverrà il 6 aprile 14, quindi camminavo, attaccavo i cartelli, riniziavo a camminare per raggiungere un nuovo punto dove attaccare il cartello successivo.
La temperatura ambientale 6 gradi indossato la Silverskin Stay warm e come consigliato da Silverskin s.p.a. un giubbottino windstoper , il clima si potrebbe definire strano, si passava da nuvoloso e freddo a un tiepido sole che ogni tanto sbucava dalle nuvole.
Che dire anche qui  fantastica, mi ha mantenuto sempre la temperature giusta, mai avuta sensazione di umidiccio e di freddo anzi…
Sempre una sensazione di tepore. E quando usciva un po di sole, inizialmente sensazione di caldo, poi non so come tornavo ad avere la giusta sensazione di temperatura perfetta.

Riporto direttamente i miei appunti.

1 marzo ho estremizzato il test.
Ho partecipato a una festa in maschera, il mio costume era Luigi, il compagno di avventure di super Mario.
Essendo un vestito molto leggero ho indossato sotto la warm e mi son trovato bene, mai ne troppo caldo ne freddo.
Ballando tutta la sera, sono arrivato a casa senza una minima sensazione di aver sudato l’impossibile.
3 Marzo sono andato a fare il mio primo giro in BDC dopo 3 mesi di stop dovuta a un’infortunio importante, (in un mese ho fratturato 2 volte l’acromion sinistro).
La temperatura inizio giro 9 gradi, sono partito con windstopper economico con sotto la warm e devo dire che mi sono subito sentito bene, la parte umida era quella a contatta con la fascia cardio, per il resto nulla di fastidioso.
Avvertita un po di umidità nella schiena, ma indossavo uno zainetto per bici, con attrezzi vari. (prime regolazioni bici da corsa on the road).
La cosa incredibile è che ora mentre sto scrivendo questi appunti ho ancora indosso la maglietta e sto da dio. Pelle e maglietta asciutta.
SilverSkin stay warm running Spiaggia5 Marzo, è freddo, temperatura di circa 5 gradi, indossato la Silverskin Stay warm e la maglia da running.
Ormai è la 10cima volta che lo ripeto, nessuna sensazione di umidità, di freddo e nessuna brutta sensazione.
Non riporto i pensieri degli altri allenamenti, diventerebbe noioso, ma confermo che anche con temperature più elevate tipo 15/18 gradi funziona tutto egregiamente.

Conclusioni:

In conclusione vi posso dire che secondo me tutte le 4 caratteristiche che rendono questo intimo speciale sono state tutte riscontrate.

Le due caratteristiche che amo di più sono la termoregolazione e la traspirabilità totale.

Poi che dire non ci crederete mai, dopo una decina di allenamenti, e dopo averla indossata diverse volte, ancora non fa cattivo odore, questo è dato dalla presanza di filo d’argento e dalla sua massima traspirabilità, calcate che il windstopper e la maglietta da running l’ho dovuti già lavare un paio di volte. (cattivo odore persistente).

Un piccolo neo l’ho trovato, inizialmente un pochino pizzica, (probabilmente perché nuova), ma niente di che dopo un paio di usi smette e poi anche se la maglietta è molto lunga ed arriva a coprire anche il sedere tende un po a salire.

A giorni ordinerò il sottocasco, che utilizzerò anche nel running.

 

Tags:

About Tommaso Vagnini